E poi frammenti dell’attentato di Mosca del 2011 fatti passare come immagini dell’attentato di Bruxelles e diffuse in tutto il mondo dopo gli attentati. Un errore (grave), come ha mostrato anche Striscia la notizia? No, molto peggio. Un “falso pianificato con largo anticipo”. Un “format a reti unificate per giustificare la guerra o la restrizione delle libertà”. Guardando le immagini i feriti, prosegue ancora, “non mostrano lesioni da chiodi e da bulloni“. E confronta questi feriti coi morti delle stragi di Stato durante gli anni di piombo. Il “format” prevede anche la presenza di fratelli che entrano in azione: dagli Tsarnaev della strage di Boston, ai Kouachi di Charlie Hebdo, gli Abdeslam a Parigi e i due El Bakroui. Tutti “delinquentelli standard redenti” che “non disdegnano l’alcol” e tutti conosciuti alle forze dell’ordine. Le immagini dell’esercitazione avvenuta a febbraio nella metro a Bruxelles sarebbero poi state utilizzate a reti unificate per fare passare l’attentato come vero. E poi arriva “l’immancabile quadro delle coincidenze”: il sito The truther scrive il 16 marzo che la Cia avrebbe realizzato false flag tra il 16 e il 23. E quei feriti che abbiamo visto a Bruxelles? Sono le immagini delle comparse utilizzate per un’esercitazione avvenuta il 25 febbraio nel tunnel Schumann, a 400 metri dalla fermata di Maelbeek dove si è verificato il secondo attacco. Le foto dei 40 falsi feriti sarebbero quindi state usate “in eventi false flag”. E infine ci sono alcune persone sopravvissute a più attentati. “L’esempio più eclatante”, prosegue la voce nel video, è Mason Wells, sopravvissuto a Boston 2013, Parigi 2015 e Bruxelles 2016. “O sta giocando con la morte o sta aggiornando il suo curriculum professionale”. In realtà, come scrive Abc, il ragazzo, ferito seriamente a Bruxelles, si trovava a un isolato di distanza a Boston durante la maratone e a due ore da Parigi il 13 novembre dell’anno scorso. Per cui, non è esattamente scampato. Ma la conclusione della voce del video su YouTube qual è? Che “solo l’intuito ci può salvare”.

INDIETRO

Stragi in Europa, le teorie del complotto. Illuminati, feriti “comparse” e “false flag”

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In tempi di terrore dobbiamo indignarci per l’orso chiuso in una teca?

next
Articolo Successivo

Da Kennedy alla strage di Parigi: perché nascono le teorie cospirazioniste e come “smontarle”

next