Andando oltre la data, a suscitare perplessità sono anche le dichiarazioni di alcuni testimoni oculari sui luoghi degli attentati poco dopo le esplosioni. Nel video sotto, France 24 è in collegamento con tale Alexander. Titolo del video sotto: “CIA/MOSSAD operative on the scene of Brussels attacks blows his cover on live TV“. Deduzioni derivate dal fatto che l’uomo parli dei controlli aeroportuali in Israele e che, a fronte di domande sulla sicurezza e il dispiegamento delle forze dell’ordine risponda: “This is above my paygrade“. Evidentemente l’autore del video lo intende nel significato letterale di “stipendio“, mentre la locuzione, nel suo uso comune e colloquiale, si riferisce a qualcosa che l’interlocutore non conosce. In sostanza, dice alla giornalista di non rivolgere a lui la domanda, di indirizzarla a qualcuno di più esperto.

C’è chi invita anche a guardare le immagini senza audio “per separare visione e ascolto“. Nelle immagini girate nella sala d’ingresso dell’aeroporto – confuse, avvolte dal fumo – ci sono genitori con una carrozzina: scappano con un bambolotto in mano, ma senza bambino. Quindi, “come se si trattasse di un’esercitazione”. Basta questo, per alcuni utenti, a spiegare che si tratta di un attacco false flag, “sponsorizzato da un governo ombra”, un “falso legalizzato con la complicità dei media”. I visi delle persone a terra sono “rilassati“. “Ho visto abiti stracciati senza corpi feriti”, continua la voce nel video sotto, “uomini a terra che sembrano morti e che poi si rialzano”.

INDIETRO

Stragi in Europa, le teorie del complotto. Illuminati, feriti “comparse” e “false flag”

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In tempi di terrore dobbiamo indignarci per l’orso chiuso in una teca?

next
Articolo Successivo

Da Kennedy alla strage di Parigi: perché nascono le teorie cospirazioniste e come “smontarle”

next