techmanuk interna13 novembre 2015 – La cospirazione nasce con i segni anticipatori. France24 riporta un tweet nato dall’account PzFeed Ebook che, due giorni prima dell’attacco aveva scritto: “Breaking. Death Toll from paris terror attack rises to al least 120 with 270 injured“. Che sia stata davvero una profezia? Non proprio, scrivono dalla testata, visto che l’account aveva rispolverato lo stesso tweet in stile generatore automatico in varie occasioni: il 10 novembre in relazione al virus Ebola, il 6 ottobre per un attacco a una moschea in Nigeria e il 9 settembre per il massacro in una scuola a Peshawar, in Pakistan.

In ambito premonizioni, circola anche l’immagine di una ragazza che diventa virale. La giovane, straziata, in lacrime, sarebbe stata presente all’attacco della maratona di Boston, alla strage al cinema di Denver, in Colorado, a quella nella scuola elementare Sandy Hook in Connecticut e alla strage di Boston. Per ricomparire poi, col volto oscurato – ma chi diffonde online l’immagine assicura di avere visto quella in chiaro – anche tra gli evacuati del Bataclan. Non si trattava della stessa persona. Del resto anche le foto mostrano una somiglianza quanto meno dubbia.

INDIETRO

Stragi in Europa, le teorie del complotto. Illuminati, feriti “comparse” e “false flag”

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In tempi di terrore dobbiamo indignarci per l’orso chiuso in una teca?

next
Articolo Successivo

Da Kennedy alla strage di Parigi: perché nascono le teorie cospirazioniste e come “smontarle”

next