Il cognato di Matteo Messina Denaro non è colpevole di intestazione fittizia dei beni. Almeno secondo il tribunale di Marsala che ha assolto Gaspare Como perché “il fatto non sussiste”. Per l’uomo, commerciante 46enne di Castelvetrano, il pm Giulia D’Alessandro aveva chiesto una condanna a 4 anni di carcere  con l’accusa di aver intestato ad alcuni prestanome due negozi di abbigliamento: uno sempre nella città che ha dato i natali ai Messina Denaro e l’altro a Marsala.

Sposato con Bice Maria Messina Denaro, una delle sorelle dell’ultima primula rossa di Cosa nostra, Como era finito agli arresti domiciliari nel luglio del 2015. Il cognato del boss mafioso è stato condannato per associazione a delinquere ed estorsione: già nel 2012 si era visto sequestrare dalla Dia immobili e automobili lussuose con l’accusa di intestazione fittizia di beni. Nel 2015, quindi, gli erano stata sequestrata anche un’abitazione nella frazione balneare di Triscina: anche questa – secondo l’accusa – era stata  intestata fittiziamente ad altri.  Proprio lo stesso reato è stato condannato dal Tribunale di Marsala a 3 anni e mezzo di carcere, insieme alla moglie e alla sorella Valentina.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, nelle carte il ruolo dell’ex senatore di An e l’appalto da 250 milioni

next
Articolo Successivo

Bernardo Provenzano morto, dalla strage di viale Lazio alla Trattativa: ecco chi era il “ragioniere” di Cosa nostra

next