Nella giornata di ieri la Nasa ha effettuato il secondo test su quello che è considerato il più potente propulsore per missili mai creato dall’uomo. Questo nuovo motore verrà utilizzato per portare gli astronauti nello spazio più profondo tramite lo ‘Space Launch System’ (Sls), un nuovo vettore di lancio che sostituirà i vecchi Space Shuttle. Il ‘ground test‘,quindi parliamo di una prova di accensione statica e non in volo, è avvenuto a Promontory, nello Utah, in collaborazione con l’agenzia spaziale privata Orbital Atk. Durante la prova sono stati raccolti dei dati fondamentali per qualificare il nuovo booster che verrà utilizzato per la prima volta nel corso dell”Exploration Mission 1 (Em-1). Il primo volo di collaudo del Sls che ha come obiettivo quello di portare la capsula Orion, insieme a dei piccoli satelliti chiamati Cubesat, intorno alla Luna per poi fare rientro sulla Terra. In futuro lo stesso sistema verrà utilizzato per missioni spaziali con equipaggio umano sugli asteroidi e su Marte

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Attentato Istanbul: c’è sempre un’emergenza a distrarre l’Europa

prev
Articolo Successivo

Attentato Istanbul, 41 morti di cui 13 stranieri. Premier: “Tutto porta a Isis. Inquirenti: “Stranieri i tre kamikaze”. Arrestata una donna (FOTO e VIDEO)

next