Ha guidato da ubriaco un tir per oltre due chilometri in contromano sulla A10, fortunatamente senza provocare nessun incidente. Si tratta di un camionista cinquantunenne di nazionalità bulgara, fermato dagli agenti della polizia stradale del distaccamento di Imperia Ovest. Questa mattina, tra le sette e le otto, l’uomo – che aveva bevuto troppo – alla guida di un autoarticolato di proprietà di una ditta spagnola per cui lavora è uscito all’area di servizio Ceriale Sud al chilometro 77 dell’Autostrada dei Fiori, tra i caselli di Albenga e Borghetto Santo Spirito, in provincia di Savona, imboccando la corsia verso Genova ma nel senso sbagliato. Così facendo si è ritrovato in contromano.

Fortunatamente il traffico a quell’ora era ancora scarso e dopo una decina di minuti un furgone della manutenzione autostradale di Imperia è riuscito a bloccare la marcia del veicolo. Sul posto sono poi arrivate anche due volanti della polizia stradale. Il camionista aveva un tasso alcolemico di 1,79, quando per chi guida questo tipo di mezzi il limite fissato è zero. Risultato: patente sospesa e ritirata. L’autista è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza e multato per la circolazione contromano in ambito autostradale con conseguente fermo del veicolo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Papa Francesco: “No agli abissi dell’odio, vicini alle vittime del terrorismo”

next
Articolo Successivo

Attentati Bruxelles, Khalid El Bakraoui passò dall’Italia nel 2015: da Treviso a Venezia, prima di arrivare ad Atene

next