Il Ministero dello Sviluppo economico “rigetta l’autorizzazione” per le ricerche offshore di petrolio e gas a Ombrina e altre 26 domande entro 12 miglia dalla costa. Lo si apprende da un tweet del portavoce del ministro Federica Guidi. “In attuazione delle recenti norme della Legge di Stabilità, le comunicazioni dell’avvenuto rigetto delle istanze di permesso di ricerca e concessione di coltivazione di idrocarburi – tra cui Ombrina mare – rientranti nel perimetro di attuazione della legge di Stabilità sono da oggi disponibili sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico” evidenzia il Mise in una nota.  Nel dettaglio, sull’ultimo Bollettino ufficiale degli idrocarburi e delle georisorse sono stati pubblicati in estratto, “27 provvedimenti di rigetto, parziale o totale, di istanze di permesso di prospezione, di permesso di ricerca e di concessione di coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi ricadenti nelle aree precluse a nuove attività ai sensi del comma 239, articolo 1, della Legge di stabilità 2016”.

“Le 9 istanze interamente ricadenti entro le 12 miglia sono state rigettate. Le 18 istanze parzialmente ricadenti entro le 12 miglia sono state rigettate per la parte interferente. Con i 27 provvedimenti è stata data piena attuazione al disposto di legge: all’interno delle aree interdette non insistono più istanze di permesso di prospezione, di permesso di ricerca e di concessione di coltivazione di idrocarburi” conclude il Mise. Secondo quanto previsto dalla legge di Stabilità, le comunicazioni dell’avvenuto rigetto sono state pubblicate sul sito del Ministero. Le 9 istanze interamente ricadenti entro le 12 miglia sono state rigettate, specifica il Mise, mentre le 18 istanze parzialmente ricadenti entro le 12 miglia sono state rigettate per la parte interferente. “Con i 27 provvedimenti – conclude il ministero – è stata data piena attuazione al disposto di legge: all’interno delle aree interdette non insistono più istanze di permesso di prospezione, di permesso di ricerca e di concessione di coltivazione di idrocarburi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emissioni NOx, Bonelli: “Legare lo sviluppo alla possibilità di inquinare è follia, significa portarlo verso un baratro”

next
Articolo Successivo

Petrolio, dopo 32 anni arrivano la Vega B e nuovi pozzi nei mari di Sicilia

next