Giovedì 17 dicembre, nel pomeriggio, il ministro Giuliano Poletti ha dato disponibilità, sulla sua pagina Facebook, ad un “botta e risposta” sul tema lavoro e giovani. È stato utile, devo dirlo. E, aggiungerei, purtroppo, in quanto il ministro ha fatto capire che per assegnisti, dottorandi e borsisti di ricerca, almeno per ora, non ci sarà alcuna estensione della Dis-Coll, ossia dell’indennità di disoccupazione, forma minima di ammortizzatore sociale per chi, sic stantibus rebus, non ne ha.

Conclusa la sessione di domande e risposte. Grazie a tutti per aver partecipato! Un caro saluto a tutti!

Posted by Giuliano Poletti on Giovedì 17 dicembre 2015

Infatti, il 15 dicembre scorso “la Commissione Bilancio della Camera dei Deputati ha bocciato la possibilità di estendere la DIS-COLL agli assegnisti di ricerca senza nemmeno esaminare l’ipotesi di ricomprendere dottorandi e borsisti e limitandosi a prorogare l’istituto per il 2016. […] Sono state ignorate quasi 9.000 firme e più di 2.750 mail inviate alla Commissione Bilancio della Camera, con cui i giovani ricercatori hanno chiesto invano a questa classe politica di rappresentarli”.

Per chi non lo sapesse, anche a fronte degli indiscriminati tagli attuati su Università e ricerca, a molti assegnisti sono demandate, oltre alle legittime attività di ricerca, anche attività di insegnamento, tutoraggio e via discorrendo, pur non avendo alcun riconoscimento per il proprio ruolo di “architrave” informale, una sorta di “toppa umana”, per sopperire alle carenze ormai strutturali di personale e risorse dei nostri atenei.

Nel maggio scorso, rispondendo a un’apposita interrogazione parlamentare, il ministro del Lavoro aveva affermato: “Solo dopo la verifica dell’impatto e degli effetti di questa misura [DIS-COLL] sarà possibile decidere in che termini prevederne la proroga o renderla strutturale e in quel momento io credo sia possibile fare una verifica rispetto al fatto che anche le figure che sono state citate in questa interpellanza [assegnisti, dottorandi e borsisti di ricerca] possano vedere esteso questo intervento così come specificatamente ci chiede l’interrogante“.

Poi, venne la legge di Stabilità 2016. Riporto il commento, in proposito, dell’Adi-Associazione dottorandi e dottori di ricerca italiani: “In materia di Università e Ricerca il disegno di legge di stabilità 2016 contiene misure insufficienti ed estemporanee i cui principali effetti saranno quelli di aumentare gli squilibri all’interno del sistema accademico e le disuguaglianze fra le sue componenti”.

Nessuna estensione, insomma, del sussidio di disoccupazione (detto Dis-Coll) a dottorandi, assegnisti e borsisti di ricerca. Si consideri che l’Italia si colloca al 26° posto sui 28 paesi europei quanto a numero di dottorandi ogni 1000 abitanti. Queste figure, in tutta evidenza, non sono riconosciute, per le mansioni svolte, come “lavoratori”. Passiamo ai dati: quanti sono i precari nella nostra università? Utile, in tal senso, un aerogramma elaborato da Adi su dati Anvur, nel 2013. Tra assegnisti, collaboratori ai programmi di ricerca e dottorandi, si arriva al 48% del personale che si occupa di didattica e di ricerca. Peccato che, accidentalmente, a questi invisibili non siano riconosciute molte garanzie, in alcuni casi nemmeno il diritto di voto per gli organi di atenei, tutele e, manco a dirlo, ammortizzatori sociali.

E a qualche italiano con poca familiarità con il mondo accademico che dovesse dire: embè, che volete? Possiamo replicare che invece, in Europa, le cose vanno diversamente. I dottorandi sono inquadrati come dipendenti con ogni tutela in Austria, Belgio, Spagna, Finlandia, Grecia, Lussemburgo e hanno almeno il contributo di disoccupazione in Francia, Olanda, Bulgaria, Rep. Ceca e Norvegia. La domanda, dunque, sorge spontanea: perché noi no? E a questa domanda, ripetuta da molti giovani ricercatori sulla pagina Facebook del ministro Poletti, dopo la bocciatura dell’emendamento che estendeva il sussidio di disoccupazione agli assegnisti e la mancata valutazione dell’estensione a dottorandi e borsisti, lui ha risposto scrivendo che: “La DIS-COLL non era prevista nel 2016. Siamo riusciti a riconfermarla anche per il prossimo anno ma solo per le categorie già previste nel 2015 e riteniamo che questo sia già un buon risultato”.

Noi, invece, no!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legambiente: “Calate risorse per scuolabus, mensa e manutenzione. Trento città più virtuosa”

next
Articolo Successivo

Scuola del futuro: ogni studente ce la fa!

next