Se lo spot originale ideato dalla catena di supermercati tedeschi Edeka aveva commosso la Rete, la parodia italiana è tutta da ridere. Perché mentre in Germania un nonno deve inventarsi un triste stratagemma per riunire attorno a sé tutta la famiglia nel giorno di Natale, a un capofamiglia del Sud Italia, forse, basta qualcosa di molto meno angosciante. Cosa? Lo spiega un simpatico video di Casa Surace, giovane casa di produzione napoletana, famosa tra gli utenti dei social per gli “spiegoni” sulle usanze dei “terroni fuorisede”
(video tratto dalla pagina Facebook di Casa Surace)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Chiamatemi Francesco, il film di Luchetti su Bergoglio? Un pamphlet agiografico

prev
Articolo Successivo

“Quo vado”, a gennaio il nuovo film di Checco Zalone: la scena della farmacia

next