“Noi al governo” è lo slogan scelto per il raduno nazionale a Imola del Movimento Cinque Stelle, che oggi entra nel vivo e si concluderà domenica 18 ottobre. Ritocchi alla legge elettorale permettendo, l’ambizione di vincere al ballottaggio le prossime elezioni politiche è manifesta. E i sondaggi l’alimentano. Ma gli esponenti del Movimento fondato da Beppe Grillo sono percepiti davvero come  maturi per governare senza alleati il Paese? Ne abbiamo parlato con i cittadini in strada. Molti si attendono un successo del M5S alle prossime scadenze elettorali, a cominciare dal comune di Roma, e ritengono che sia arrivato il tempo di mettere alla prova chi si propone come “alternativa radicale al sistema dei partiti“. Numerosi altri la pensano diversamente: è meglio che il Movimento rimanga all’opposizione – sostengono – “perché non sa mediare, è privo di esperienza ed è ancora affetto dal vizio del populismo”. Ma un dato sembra acquisito: i “ragazzi di Grillo” hanno bucato il video e – rispetto al caos dell’esordio – ormai il M5S è percepito come un’organizzazione plurale che agli occhi di molti ha dimostrato di aver imparato a maneggiare gli strumenti della politica istituzionale. E voi come la pensate? Il M5S è maturo per governare? Dite la vostra nei commenti e votando la risposta che vi convince di più di Piero Ricca, riprese Richy Farina

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Afghanistan, Renzi: “Stiamo valutando se prolungare nostra presenza di un anno”

next
Articolo Successivo

Italia 5 Stelle, la notte degli attivisti in tenda: “Governo? M5S deve decidere se vuole diventare grande”

next