La notizia diffusa ieri da un giornalista olandese, secondo cui i tifosi del Feyenoord non sarebbero stati giudicati per i disordini dello scorso 19 febbraio, è stata smentita dalla Procura di Roma. Saranno infatti processati il 27 novembre a Rotterdam per resistenza a pubblico ufficiale e per il danneggiamento alla fontana della Barcaccia alcuni degli ultrà olandesi che il 19 febbraio scorso parteciparono agli scontri avvenuti in margine alla partita di Europa League Roma- Feyenoord.

L’ufficio del pubblico ministero della Capitale ha inviato da tempo alla magistratura olandese filmati e documenti relativi agli incidenti e agli atti di vandalismo compiuti ai danni del capolavoro di Piazza di Spagna da alcuni dei 44 ultrà sotto processo in Olanda. Quanto agli incidenti, il 12 gennaio prossimo riprenderà a Roma il processo contro 6 tifosi accusati di resistenza a pubblico ufficiale. Contro di loro si è costituito parte civile il Codacons.

La notizia circolata ieri è stata frutto di un errore di comunicazione tra un legale olandese e un giornalista locale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Berlusconi usa l’aggressione a proprio vantaggio”: la mail del consigliere della Clinton dopo il lancio della statuina

prev
Articolo Successivo

Migranti, turista in barca salva profugo da 13 ore in mare. Foto facebook virale

next