Le scritte sui muri nella città di Milano a sole ventiquattro ore dall’anniversario della strage di via Palestro, che fa il paio con la strage di via dei Georgofili a Firenze, scritte contro il 41 Bis, secondo noi non possono che avere una sola matrice quella mafiosa, quella di “cosa nostra siciliana”.

Poco importa che vi siano associazioni che si definiscono umanitarie che hanno inviso, in seno ai loro “statuti”, il regime di carcere duro anche se applicato alla mafia stragista; il messaggio arriva chiaro e forte in una città che si appresta a ricordare vigili del fuoco, vigili urbani e emigranti uccisi dalla mafia il 27 Luglio del 1993 in via Palestro a Milano, mentre a Roma saltavano in aria due chiese care al Papa.

Con ogni probabilità, di mafia si tratta, quella mafia disposta a vendere l’anima al diavolo più nero pur di uscire da “41 bis “ e far abolire il carcere duro per sempre, perché questo in quel 1993 gli era stato promesso istituzionalmente “sia pure in un primo momento per fermare le stragi” e in termini di voto di scambio per dare corpo e vita a nuovi orizzonti politici.

Tutta la nostra solidarietà alle famiglie delle vittime di via Palestro del 27 Luglio 1993, e chiediamo attenzione alle forze dell’ordine, e al Ministro dell’Interno, perché quando il messaggio è mafioso può succedere di tutto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Casalesi, Dda sequestra ditta che si aggiudicò lavori pubblici (mai iniziati) ad Altopascio

next
Articolo Successivo

Napoli, Carmela De Rosa e i suoi Gracchi di malavita. Quando il clan è famiglia

next