“Il cantiere dell’Alta velocità di Chiomonte in Val di Susa non deve essere preso d’assalto. Non è il Palazzo d’Inverno attaccato dall’Armata rossa. Quel cantiere cadrà, come è caduta Gerico: sotto un coro di voci che ne abbatterono le mura ”. Questa mattina Erri De Luca è stato interrogato nel processo che lo vede imputato per istigazione a delinquere. Lo scrittore partenopeo è accusato dalla Procura di Torino, e dalla Ltf (Lyon Turin Ferroviarie), di aver istigato al sabotaggio con una sua intervista rilasciata lo scorso anno a favore del movimento NoTav. “La parte civile mi vuole in carcere e io mi difendo”, ha scherzato De Luca commentando il fitto scambio di battute avvenuto in aula  di Cosimo Caridi

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caldoro, fuorionda mentre il suo candidato si ritira: “Giornalismo del cazzo”

next
Articolo Successivo

Erri De Luca e No tav, al processo guerra di dizionari: “Mai parlato di molotov”

next