A Platì, in provincia di Reggio Calabria, non si vota alle prossime elezioni comunali di fine maggio. Nella cittadina della Locride, conosciuta per essere la culla della ‘ndrangheta, non è stata presentata nessuna lista. Elezioni che avrebbero interrotto un lungo periodo di commissariamento. Negli ultimi 12 anni, infatti, Platì è stata sciolta tre volte per infiltrazioni mafiose. Il Pd alle ultime Regionali è stato il partito più votato superando il 20%, mentre l’intero centrosinistra ha preso il 77% delle preferenze. Eppure, anche il partito di Matteo Renzi ha deciso di non scendere in campo per dare un’alternativa a una cittadina dove la legge è quella delle famiglie mafiose e dei trafficanti di cocaina. “Tutti abbiamo paura di candidarci a sindaco, perché altrimenti ci sciolgono di nuovo”, racconta l’ex sindaco Francesco Mittiga, arrestato nel 2003 per mafia e poi assolto.”È veramente vergognoso – commenta la dirigente regionale del Pd Maria Grazia Messineo – che in un Comune sciolto per mafia il mio partito non presenta un candidato”. “Quando avremo una politica che vuole essere protagonista della bonifica del territorio – sottolinea il procuratore capo di Reggio Calabria, Federico Cafiero De Raho – la Calabria sarà liberata”  di Lucio Musolino

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Platì, nessun candidato. Tre scioglimenti in 12 anni. E il 31 maggio non si vota

next
Articolo Successivo

Ostia, Sabella: “Bisogna usare il napalm contro la mafia e l’illegalità”

next