Da vari anni studiamo, non solo a tavolino ma anche con missioni scientifiche in altura, l’idrologia nepalese e pakistana delle alte montagne. In quell’area, assai sensibile all’evoluzione del clima, gli scenari dei modelli climatici sono incerti a causa della complessa orografia e della difficoltà di verificare i risultati con dati realistici sui processi fisici al suolo. Non è solo una questione scientifica, perché la vita di un miliardo e duecentomila persone dipende dalle Torri d’Acqua dell’Asia, Himalaya e Karakorum. E bisogna prepararle ad aumentare la resilienza dei sistemi idrici.

A un potenziale, futuro disastro idrologico si è contrapposta la durissima realtà del 25 aprile 2015: il terremoto. Il sisma nepalese di Gorkha, d’intensità Mercalli modificata del IX grado e valutato in magnitudo 7,8 dal Servizio Geologico degli Stati Uniti (Usgs), ha provocato migliaia di morti. Sismologi e ingegneri sperano che possa portare a una migliore comprensione della sismicità della regione. E soprattutto far capire che solo una maggiore resilienza può salvare migliaia di vite umane.

intensity_map_pager-Nepal

Secondo Usgs il sisma produce ulteriori rischi, tra cui scosse di assestamento, frane, valanghe e altri fenomeni indotti. Le stime più aggiornate danno un’elevata probabilità che in questa settimana ci possano essere aftershocks di magnitudo superiore a 5, e del 14% che ce ne siano superiori a 6. Dell’ordine della scossa più forte (6,3) che ha distrutto L’Aquila.

Per quanto l’evento sia stato di enorme gravità, Cecily Wolfe di Usgs ha osservato che «questa è una delle regioni più attive del mondo. Questo tipo di terremoto è del tutto coerente con ciò che sappiamo circa il rischio sismico nella regione; e non è inatteso.» Anche perché la placca Indiana continua a immergersi sotto la placca eurasiatica a una velocità di circa 5 centimetri all’anno. Wolfe ha anche aggiunto: «Non è il terremoto che uccide le persone. È la risposta degli edifici e delle infrastrutture. E questa è una regione con una popolazione numerosa e con molte infrastrutture costruite male.»

D’altra parte, si sapeva da decenni che Kathmandu è ad alto rischio, almeno da quando il grande terremoto del 1934 (magnitudo 8,0) aveva fatto più di 10 mila vittime e distrutto, tra l’altro, la Torre Dharahara costruita nel 1832. James Jackson (Università di Cambridge e Terremoti senza Frontiere) apprezza i tentativi di Nset (Nepal’s National Society for Earthquake Technology) per aumentare la percezione del rischio sismico e ridurne l’impatto con il retrofitting di scuole e ospedali, la formazione dei muratori e l’educazione delle comunità. Osserva però che «i buoni leader e gli enti come Nset e Bsdma hanno grandi difficoltà nel convincere la gente a investire per ridurre un rischio sismico che sembra remoto, poiché ha il sopravvento l’assillo quotidiano della vita urbana che, in Asia, pone questioni molto più pressanti, come l’inquinamento dell’aria e dell’acqua, il traffico, e più semplicemente la povertà.»

Se per conoscere gli eventi estremi della natura il primo passo è la statistica, come abbiamo scritto anni fa, la consapevolezza è la via maestra per mitigarne l’impatto, come ha dichiarato Harsh Gupta (Geological Society of India) con grande chiarezza: «Il modo migliore per proteggersi dai terremoti è quello di preparare il pubblico e l’amministrazione civile.»

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A processo per contaminazione acque. Diventa capo della municipalizzata rifiuti

next
Articolo Successivo

Carrara, Strada dei marmi (e dei debiti): “Pedaggio per coprire i costi”. Mai pagato

next