Il comando provinciale di Lecce – su richiesta dei pm Guglielmo Cataldi e Giuseppe Capoccia, della direzione distrettuale antimafia – ha arrestato 11 persone presumibilmente appartenenti al clan De Tommasi Notaro della Sacra corona unita. I provvedimenti cautelari sono stati disposti dal giudice per le indagini preliminari del tribunale del capoluogo salentino nei confronti di personaggi considerati attivi nel nord della provincia, tra Squinzano, Trepuzzi e Torchiarolo, al confine con Brindisi. Si tratta del seguito delle operazioni “Vortice-Dejà vu” e “Parco“, condotte a carico dello stesso clan l’11 novembre 2014 e il 19 gennaio scorso.

I reati contestati sono associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, detenzione e porto abusivo di armi – anche clandestine -, lesioni gravi e minaccia aggravata.

Dalle indagini è emersa l’operatività del gruppo con a capo Marino Manca in rivalità armata – per il controllo delle attività illegali – con una frangia dello stesso clan capeggiata da Sergio Notaro, detenuto in carcere. Secondo quanto emerso nell’inchiesta, il contrasto tra i due gruppi è sfociato in azioni di fuoco con finalità di uccidere o intimidatoria.

Lo stesso presunto capoclan Marino Manca riuscì a sfuggire all’agguato teso dagli avversari nel 2012, mentre era in compagnia di Luca Greco – 43 anni -, altro componente dell’organizzazione che rimase gravemente ferito. Nel corso delle indagini vennero arrestate quattro persone in flagranza di reato.

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Sacra Corona Unita, 27 arresti nel Brindisino. “Il comando affidato alle donne dei boss”

next