I tre assistenti sociali imputati per la morte di Federico Barakat, il bimbo di 8 anni assassinato dal padre nel 2009 durante un colloquio protetto nella sede dei servizi sociali dell’Asl di San Donato Milanese (Mi) sono stati assolti dalla Cassazione. La madre, Antonella Penati, annuncia di voler ricorrere alla Corte europea dei diritti dell’uomo e ripercorre gli anni di sofferenza familiare e parla del difficile rapporto con gli assistenti sociali. “Non mi credevano. E – spiega – con questa sentenza, ancora una volta, mio figlio è stato ucciso dallo Stato. Nella stanza dell’Asl in cui è stato ucciso, Federico è stato lasciato da solo col padre. Un atto di tremenda superficialità collettiva che ha portato a questa tragedia”  di Francesca Martelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Camorra, nei video dei carabinieri la guerra dei clan: spari e agguati in strada

next
Articolo Successivo

Milano, M5S: “Abbatteranno 573 alberi per progetto dell’amico di Incalza e Lupi”

next