Mazzette per accaparrarsi i servizi funebri. La Guardia di Finanza di Torino sta eseguendo 14 misure cautelari, tra le quali due arresti domiciliari, per il reato di corruzione. Nell’indagine sulla truffa del “caro estinto” – coordinate dal procuratore capo di Ivrea Giuseppe Ferrando – sono coinvolti alcuni dipendenti degli obitori degli ospedali di Ivrea e Courgné e alcune aziende funebri del Canavese.

Secondo quanto accertato, i dipendenti indagati – in cambio di denaro – “consigliavano” (violando il regolamento) ai familiari delle persone decedute nei due ospedali, le imprese da contattare per ottenere un buon servizio funebre per il caro estinto. Oppure avvertivano alcune aziende del settore sui decessi avvenuti all’interno della struttura sanitaria per consentire un “pronto intervento” con lo scopo di avvicinare per primi i parenti del defunto.

In alcuni casi, inoltre, la vestizione delle salme da parte dei sanitari veniva eseguita con maggiore cura in cambio di denaro elargito dall’impresa incaricata del servizio funebre. Un giro di soldi, ricostruito dagli investigatori attraverso pedinamenti, intercettazioni telefoniche e riprese video, che coinvolge quattro dipendenti delle strutture ospedaliere di Ivrea e Cuorgnè e operatori di servizi funebri dell’alto Canavese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Corruzione, Orlando: “Intollerabile”. Ma difende il falso in bilancio berlusconiano

next
Articolo Successivo

Riforma penitenziaria: spunti per il governo dall’Osservatorio sulla vita carceraria

next