Secondo Marco Travaglio, la logica delle soglie di “modica quantità”, in tema di evasione fiscale così come nella tutela ambientale, produce leggi sbagliate: chi sbaglia deve pagare, e non può esserci una soglia di illegalità consentita. E puntualizza: “Il decreto ambiente ha fatto disastri. Ha alzato le soglie di inquinamento consentito”. Orfini non ci sta: bisogna tutelare chi sbaglia, senza metterlo nel penale insieme a chi delinque. E aggiunge: “Il principio alla base di quella norma sbagliata secondo me è corretto: se c’è dolo, l’evasione va punita penalmente”. Travaglio ribatte: “L’errore non è reato, ci vuole il dolo per il reato”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Falso in bilancio, Cantone: ‘Non ho letto l’emendamento, ma no a punire mere irregolarità contabili’

prev
Articolo Successivo

Regione Lazio, arrestato un funzionario mentre intasca una tangente da direttore di una onlus

next