Nella #terradeifuochi il 2015 inizia con le polemiche sulle parole di Gigi D’Alessio dette in occasione del concerto di Capodanno #GigiAndFriends in piazza Plebiscito a Napoli.

Molti mi hanno chiesto spiegazioni, in realtà, argomenti complessi meritano risposte complesse, ma volendo esemplificare si può riassumere così. Alla base dell’ennesimo corto circuito c’è un problema d’informazione indotto dai media con la complicità di alcuni personaggi. In questi mesi, tramite servizi televisivi e giornalistici farciti di sensazionalismo, hanno voluto far credere all’opinione pubblica che la priorità della cd. “terra dei fuochi” fossero i rifiuti interrati mentre non è esattamente così.

Dunque, sulle parole di D’Alessio, si può concordare che il nostro problema non è certo l’agricoltura. Al contrario. Dobbiamo dissentire per il suo silenzio sui #RoghiTossici mai terminati e che continuano ogni santissimo giorno, nonostante le infinite promesse.

È questa la vera preoccupazione di chi conosce i fatti, la vera “emergenza” in Campania!

La pantomima sui rifiuti interrati 25 anni fa, in buona sostanza, è servita a preparare un cospicuo “fondo cassa” per le pseudo bonifiche come per Bagnoli, e a dare non poca popolarità ad incompetenti che hanno costruito la propria fama su un problema di altro ordine.

II conclusione. Il pericolo vero non proviene dalla nostra agricoltura ma dall’aria che respiriamo, appestata da migliaia di roghi tossici. Quindi, continuiamo pure a mangiare campano e preoccupiamoci dei roghi. Altrimenti potremo pure mangiare norvegese e bere acqua scandinava, ma continueremo a respirare munnezza!!!

Salute a tutti e Buon 2015 senza Roghi Tossici e nel #Riscatto della nostra Campania! Auguri.

terradeifuochi-capodanno

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Apicultura: nel paradiso del miele

next
Articolo Successivo

Delitti ambientali, la pessima riforma che piace a Legambiente, Greenpeace e Wwf

next