Oltre 3mila NoTav hanno marciato ieri sera per le vie di Susa, in provincia di Torino. Poco prima che la fiaccolata si concludesse, un gruppo di attivisti ha accesso alcuni fumogeni davanti al hotel Napoleon dove, da oltre due anni, le stanze sono quasi totalmente occupate dalle forze dell’ordine in servizio al cantiere dell’alta velocità di Chiomonte. I NoTav hanno “ribattezzato” via Mazzini, dove si trova l’albergo, in via gli Sbirri, attaccando persino delle finte segnalazioni stradali. La manifestazione si è conclusa pacificamente, ma già oggi pomeriggio è attesa una nuova protesta alle reti del cantiere. La situazione in Valsusa torna a scaldarsi a pochi giorni dalla sentenza, del tribunale di Torino, per il processo ai quattro NoTav accusati di terrorismo   di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Acerra, per i soldi di chi deve continuare a morire?

next
Articolo Successivo

NoTav, scontri a Chiomonte: tre agenti feriti

next