Un morto e un ferito. E’ questo l’epilogo della sparatoria avvenuta nel primo pomeriggio di oggi (1 novembre) a Brindisi. I contorni sono ancora tutti da chiarire. Anche se ai carabinieri è balzato subito agli occhi il nome della vittima: Cosimo Tedesco, 52 anni, fratello di un noto esponente della Sacra Corona Unita. Suo figlio Luca, 30 anni, è stato invece ricoverato in gravi condizioni al nosocomio Perrino di Brindisi, dove è stato sottoposto a un delicato intervento. I militari dovranno stabilire se si è trattato di un agguato in stile mafioso, o se quei colpi sono stati sparati durante una lite.

Introno alle 13 e 30 padre e figlio si trovavano nell’androne di un palazzo, in piazza Raffaello, nel cuore del quartiere Sant’Elia, alla periferia della città. Forse per un appuntamento, perché i due non abitavano qui. E a quel punto che sono stati raggiunti da numerosi spari. Cosimo Tedesco è morto subito dopo l’arrivo in ospedale. Il 52enne lavorava come operaio per la Monteco, la società che si occupa per il comune di Brindisi della raccolta e il conferimento in discarica dei rifiuti. Suo fratello Giuseppe, detto Capu ti bomba, è stato condannato all’ergastolo in secondo grado per tre omicidi compiuti negli anni Novanta, grazie alle dichiarazioni del pentito Vito Di Emidio, detto Bullone. E i carabinieri partiranno proprio da quella parentela per ricostruire quello che è accaduto. Al momento hanno sequestrato due automobili, appartenenti alle vittime, parcheggiate entrambe in piazza Raffaello e due caschi da motociclista che si ritiene possano appartenere a persone coinvolte nella sparatoria.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trattativa Stato-mafia, e il giudice ringraziò il presidente “padrone di casa”

prev
Articolo Successivo

Camorra, 34 arresti nel clan Belforte. “Pizzo anche su costruzione chiesa”

next