Per centinaia di ragazzi disabili, la scuola non è mai cominciata. Lo scorso 7 agosto la Provincia di Napoli, con una delibera, ha interrotto l’erogazione dei fondi per le attività e l’inserimento dei disabili, con il risultato che per 600 studenti delle scuole superiori del Napoletano l’anno scolastico non è iniziato. Ad oltre un mese dall’effettiva riapertura delle scuole, i genitori dei ragazzi disabili hanno effettuato un presidio a Piazza Matteotti per chiedere il ritiro della delibera, rivendicando il diritto allo studio. Chiara la richiesta dei ragazzi: “E’ disumano quello che stanno facendo, noi vogliamo andare a scuola e così ci rovinano il futuro”  di Fabio Capasso

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cortei scuola, a Torino studenti bruciano manichini con facce di Renzi e Giannini

prev
Articolo Successivo

Scuola, asilo nido in un garage da 25 anni. I genitori: “Non abbiamo alternative”

next