Una vera e propria bomba ecologica a cinque minuti dal centro di Milano. Siamo in via Bazzi, zona circonvallazione sud. Qui, in un’area industriale dismessa, sotto ai capannoni di quella che fino al 2000 era una cromatura, l’Arpa della Lombardia ha scoperto un inquinamento della prima falda da cromo esavalente pari a 9600 microgrammi su litro. Il limite è di 5. Legambiente parla di una “situazione potenzialmente a rischio anche per i comuni limitrofi”, e nei fatti molto simile a quella registrata alla Caffaro a Brescia. In più l’azienda inquinata confina con una scuola pubblica, sulla quale sono stati fatti già dei prelievi che non avrebbero alcun inquinante oltre la norma. “Noi vogliamo però che vengano presi al più presto dei provvedimenti” dicono i cittadini della zona, molto preoccupati di Fabio Abati

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Opere, i comitati contro l’A12: “Corridoio Tirrenico Settentrionale inutile e dannoso”

next
Articolo Successivo

Difesa dell’ambiente e democrazia: cattive notizie dall’India

next