E’ un botta e risposta al veleno quello tra Buffon e Cassano. Il capitano della nazionale dopo la sconfitta contro l’Uruguay ha puntato il dito contro le nuove leve e proposto la sua ricetta di rinnovamento: “Largo ai vecchi”. La risposta dell’attaccante non si è fatta attendere e l’attacco ai senatori, specialmente al portiere, è stato frontale: “Se avessimo vinto, vincevano loro. Invece ora abbiamo perso soltanto noi. Anche perché non bisogna dimenticare che nell’unica partita che abbiamo vinto, mi pare che Buffon non ci fosse“, avrebbe confidato ad alcuni amici, come riporta Repubblica.

Parlando dell’avventura in Brasile e delle frasi di Buffon, il giocatore di Bari si sarebbe scagliato contro la vecchia guardia dello spogliatoio: “Vogliono decidere tutto loro. Noi ci siamo impegnati, abbiamo lavorato come tutti gli altri, fatto tutto quello che potevamo. Non è possibile che questi devono sempre fare la morale e dividere i buoni dai cattivi”.

Lo speciale mondiali de ilfattoquotidiano.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondiale Brasile 2014, messaggio dall’Uruguay: i popoli sono l’oppio del calcio

prev
Articolo Successivo

Mondiali 2014, l’annuncio di Blatter: “Sì alla moviola in campo”

next