Una manifestazione di solidarietà nazionale annunciata per il 10 maggio, un appello di intellettuali contro “la vendetta di Stato e la repressione giudiziaria”, sei giorni fa un agguato contro l’autista del pm Antonio Rinaudo. Il processo a quattro No Tav accusati di terrorismo si aprirà il 22 maggio a Torino, secondo quanto scrive La Repubblica, con i giudici popolari che arriveranno sotto scorta in aula.

A Chiara Zenobi, Mattia Zanotti, Claudio Alberto, e Niccolò Blasi il reato di “attentato con finalità terroristiche, atto di terrorismo con ordigni micidiali ed esplosivi, oltre che detenzione di armi da guerra e danneggiamenti”, è stato confermato dal Riesame il 13 gennaio (motivando l’accusa anche con il grave danno all’immagine internazionale dell’Italia, ndr)e dopo rinvio a giudizio con rito immediato il processo sarà celebrato in corte d’Assise, composta da due giudici togati – presidente e giudice a latere – e sei popolari. Devono rispondere dell’attacco al cantiere di Chiomonte del 13 maggio del 2013. La tensione crescente ha imposto una misura precauzionale e così i giudicanti e il cancelliere arriveranno insieme a bordo di un pullmino che sarà protetto. Il comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza, sempre secondo La Repubblcia, sta anche valutando se mettere sotto scorta i magistrati, pm e giudici, che la titolarità dei fascicolo sulle vicende No Tav. 

Cuore del processo l’attacco, nella notte fra il 13 e il 14 maggio, al cantiere di Chiomonte. Bombe carta, molotov e un mortaio artigianale contro il cantiere della Torino-Lione per bloccare lo scavo del tunnel geognostico per la realizzazione della nuova linea ferroviaria ad Alta velocità. Quello di maggio non è il solo processo contro i No Tav continuano. Nei giorni scorsi è ripreso il maxi-processo a 52 attivisti e simpatizzanti per gli scontri dell’estate 2011: i giudici del tribunale, contro il parere degli avvocati, hanno stabilito che il dibattimento continuerà ad essere ospitato nell’aula bunker delle Vallette, concepita per i grandi processi di mafia e terrorismo. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Anzio, chiuso dalla giunta Zingaretti il cantiere della ditta interdetta per mafia

next
Articolo Successivo

Caso Dell’Utri: il latitante ed il rottam-attore

next