Cosa c’è sotto i terreni tra Taranto e Statte? Il video è stato girato a pochi metri dai cancelli della discarica dell’Ilva “Mater Gratiae” da Peacelink, l’associazione ambientalista tarantina, che nei giorni scorsi ha inviato il materiale raccolto ad un laboratorio, a breve, dovrebbe fornire gli esiti delle analisi. Dalle immagini emerge chiaramente come dal terreno affiori una sostanza gommosa di colore scuro che sembra verosimilmente catrame. Non solo. A pochi metri di distanza, c’è anche un cumulo di materiale di risulta apparentemente di natura industriale. Anche questo video è finito nel dossier depositato alla procura della Repubblica di Taranto e ai vertici di Bruxelles dove si trovano in questi giorni rappresentanti dell’associazione per incontrare Janez Potocnik, commissario europeo per l’Ambiente  di Francesco Casula

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ministro Guidi, meglio dare più attenzione alla sua ‘dimensione energetica’

next
Articolo Successivo

Tav, Nencini: “Opera procede spedita. Renzi contrario? Senato ha ratificato il trattato”

next