“Mai più zoo d’acqua, mai più delfini-clown!”. È l’appello lanciato dalla Lega antivivisezione italiana, attraverso una petizione che potrà essere sottoscritta in centinaia di piazze italiane, sabato 29 e domenica 30 marzo e il 5 e 6 aprile. “Con questa petizione – chiarisce l’associazione – intendiamo chiedere al governo e al Parlamento una nuova legge, che vieti l‘importazione di delfini e di altri cetacei a fini di spettacolo”.

“Le nostre indagini – dice il vicepresidente della Lav, Roberto Bennati – confermano che in Italia i delfinari non hanno alcuna funzione educativa né scientifica o di conservazione della specie, facendo invece solo spettacolo: un inganno a cui dobbiamo porre fine”.  La Lav conta di poter “realizzare anche un altro progetto di straordinaria importanza: la costruzione del primo rifugio per i delfini in un’area di mare protetta, che possa accogliere i cetacei provenienti da strutture dismesse. Si tratta di un grande progetto finalizzato a reinserire questi mammiferi nel loro habitat naturale, per restituirgli la libertà purtroppo negata nei delfinari: per realizzarlo abbiamo bisogno anche del tuo sostegno”.

I volontari della Lav, che hanno già ottenuto “un primo importante risultato con la recente chiusura del Delfinario di Rimini“, chiedono inoltre ai cittadini “di non andare a visitare i delfinari, per non essere complici di questa inaccettabile prigionia, e di sostenere la campagna sottoscrivendo questa petizione. Presso i tavoli Lav – aggiungono dall’associazione – troverete anche le nostre tradizionali uova di Pasqua, in buonissimo cioccolato fondente del commercio equo e solidale: un dono generoso per amici e parenti e per gli animali che in questo modo ci aiuterete a salvare”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brindisi, è battaglia legale tra Comune e Regione sulla discarica di Cerroni

next
Articolo Successivo

Crotone, la città dei veleni. Qui i ragazzi crescono a rame, piombo e zinco

next