“Mai più zoo d’acqua, mai più delfini-clown!”. È l’appello lanciato dalla Lega antivivisezione italiana, attraverso una petizione che potrà essere sottoscritta in centinaia di piazze italiane, sabato 29 e domenica 30 marzo e il 5 e 6 aprile. “Con questa petizione – chiarisce l’associazione – intendiamo chiedere al governo e al Parlamento una nuova legge, che vieti l‘importazione di delfini e di altri cetacei a fini di spettacolo”.

“Le nostre indagini – dice il vicepresidente della Lav, Roberto Bennati – confermano che in Italia i delfinari non hanno alcuna funzione educativa né scientifica o di conservazione della specie, facendo invece solo spettacolo: un inganno a cui dobbiamo porre fine”.  La Lav conta di poter “realizzare anche un altro progetto di straordinaria importanza: la costruzione del primo rifugio per i delfini in un’area di mare protetta, che possa accogliere i cetacei provenienti da strutture dismesse. Si tratta di un grande progetto finalizzato a reinserire questi mammiferi nel loro habitat naturale, per restituirgli la libertà purtroppo negata nei delfinari: per realizzarlo abbiamo bisogno anche del tuo sostegno”.

I volontari della Lav, che hanno già ottenuto “un primo importante risultato con la recente chiusura del Delfinario di Rimini“, chiedono inoltre ai cittadini “di non andare a visitare i delfinari, per non essere complici di questa inaccettabile prigionia, e di sostenere la campagna sottoscrivendo questa petizione. Presso i tavoli Lav – aggiungono dall’associazione – troverete anche le nostre tradizionali uova di Pasqua, in buonissimo cioccolato fondente del commercio equo e solidale: un dono generoso per amici e parenti e per gli animali che in questo modo ci aiuterete a salvare”. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brindisi, è battaglia legale tra Comune e Regione sulla discarica di Cerroni

next
Articolo Successivo

Crotone, la città dei veleni. Qui i ragazzi crescono a rame, piombo e zinco

next