Il ministro dell’Agricoltura Nunzia De Girolamo il 23 luglio 2012 organizzò nella villa del padre una riunione con la quale discutere insieme ai suoi collaboratori e ai dirigenti dell’Asl di Benevento di come togliere l’appalto del 118 a una ditta nemica e assegnarlo a una ditta ‘amica’ del Pdl. Secondo il superteste dell’inchiesta Arnaldo Falato, ex dirigente del settore Budgeting dell’Asl, fu elaborato un piano preciso. Quel piano si sarebbe realizzato se Falato, allertato da una confidenza di Felice Pisapia, l’uomo che ha registrato di nascosto gli incontri del gruppo di fedelissimi della De Girolamo, non avesse presentato una denuncia indicando in anticipo il nome dell’impresa vincitrice, la Modisan. Che, avvertita dell’esposto, si aggiudicò la procedura negoziata ma rinunciò il giorno dopo l’assegnazione del servizio. Falato è stato punito con la revoca dell’incarico dirigenziale. Ora si aggira nei corridoi dell’azienda sanitaria senza mansioni. E senza stipendio  di Vincenzo Iurillo, riprese e montaggio di Andrea Postiglione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Svuota-carceri, libertà vicina per Cuffaro. Fuori anche boss e un poliziotto del G8

next
Articolo Successivo

Cosentino, Dda Napoli: “Scelse cariche politiche. Può ancora incidere”

next