Ad oggi sono quasi 5.000 i partecipanti all’evento Una candela per i magistrati in pericolo: a partire dalla vigilia di Natale, hanno postato sulla relativa bacheca di Facebook centinaia di foto per testimoniare la loro effettiva condivisione di questo gesto corale di vicinanza e di solidarietà ai magistrati impegnati, non solo in Sicilia, nel contrasto alle mafie. Il post che ha dato il via all’iniziativa – in cui invitavamo amici e conoscenti a mettere una candela accesa sul proprio davanzale la sera del 24 dicembre – è stato visualizzato da oltre 400.000 persone. Tante altre persone, pur non frequentando Facebook, hanno voluto segnalarci la propria adesione.

Su richiesta di molti partecipanti, si è deciso di prorogare la durata dell’evento: ogni sera, almeno fino al 1° gennaio, la luce di migliaia di candele apparirà dalle nostre finestre.

Nei primi giorni del nuovo anno raccoglieremo le foto – arrivate da tutta Italia e da alcuni italiani residenti all’estero – in un grande poster, che vorremmo consegnare di persona, a nome di tutti i partecipanti, ai magistrati del pool guidato da Antonino Di Matteo.

Sperando che, nel frattempo, tante altre iniziative di cittadini contribuiscano a rompere il silenzio.

Di seguito il testo della lettera che ha dato il via all’iniziativa.

Grazie dell’attenzione.

di Mattia Fontanella, Riccardo Lenzi, Stefania Pellegrini

Qui l’evento su Facebook

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ilva, Vendola interrogato per 7 ore dai pm: “Difendo la storia della regione Puglia”

prev
Articolo Successivo

Giustizia, tre giudici per decidere l’arresto e diritto all’ascolto preventivo

next