E’ ufficiale. Lo dicono gli americani il comandante della Sesta Flotta Nato, Ammiraglio Philip Davidson: “L’acqua di Napoli è potabile”. E’ la parola fine scritta alla polemica suscitata dopo l’inchiesta pubblicata dal settimanale L’Espresso la cui copertina titolava “Bevi Napoli e poi muori”. 

Il Comune di Napoli ha chiesto al settimanale di De Benedetti la somma di un miliardo come risarcimento danni per i gravi contraccolpi subiti all’immagine della città e la psicosi innescata tra i residenti. La sottolineatura degli americani è anche superflua. Già lo studio statunitense targato 2009 e 2011 era chiaro. L’acqua di Napoli è stata sempre pulita, controllata e sicura. L’Espresso ha preso una cantonata. A questo punto – sono molti che lo chiedono – Bruno Manfellotto, direttore responsabile del settimanale – tra l’altro pure napoletano – come minimo dovrebbe scusarsi, fare una copertina risarcitoria e rassegnare le dimissioni. 

Neppure durante il confronto su Sky tv con il sindaco Luigi de Magistris, il direttore del settimanale ha convinto o quanto meno illustrato le ragioni di quella copertina. Ogni lettore stabilisce con il proprio giornale un rapporto fiduciario. Ciò che ha colpito della bruttissima vicenda è l’autorefenzialità e l’essere staccati dai fatti. Bastava chiedere i dati all’azienda idrica napoletana ABC oppure consultare il sito della stessa con tutti i rilevamenti aggiornati strada per strada oppure ancora chiedere all’Asl Napoli 1

Centomila campioni analizzati, dati incrociati tra i prelievi dell’azienda idrica e dell’Asl. L’acqua di Napoli è pulita, potabile e superiore qualitativamente in media all’acqua corrente che si beve in tutta Europa. Di fronte a dati scientifici diretti e aggiornati qualcuno dovrebbe chiedere scusa a Napoli. Non credo che dalle parti dell’Espresso si lavori così. Allora occorre dare l’esempio per tutelare la credibilità e la storia dell’importante testata d’inchiesta. Il direttore invece di arrampicarsi sugli specchi – stile Berlusconi con le fantomatiche prove americane – si scusi con i napoletani, con la città con le istituzioni e lasci la direzione. Tutto qui.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Varsavia, equità tra generazioni: come i giovani hanno influenzato il negoziato

next
Articolo Successivo

Rifiuti tossici nel Salento, dietrofront della Procura di Lecce: aperta inchiesta

next