Roberto Cota rischia di essere rinviato a giudizio per le spese ‘pazze’ in Piemonte. Secondo indiscrezioni di stampa, infatti, anche il governatore leghista è tra le 40 persone che dovrebbero ricevere nei prossimi giorni l’avviso di conclusione delle indagini per i rimborsi ottenuti dalla Regione e considerati illegittimi dalla procura.

Stamattina Cota ha annullato la riunione di giunta ed è andato a Milano per incontrare il governatore della Lombardia Roberto Maroni. Riguardo all’eventuale intenzione dei magistrati di chiedere il suo rinvio a giudizio, ha detto di non “avere notizia alcuna” e ha rivendicato la correttezza del suo operato: “Posso solo dire che ho sempre rispettato la legge, nell’interesse della Regione e dei singoli cittadini piemontesi, non ho mai inteso sperperare un solo euro di denaro dei contribuenti. Sono molto sereno e tranquillo su questo fronte”.

L’inchiesta partita nel 2012 aveva inizialmente portato a iscrivere nel registro degli indagati ben 56 consiglieri, con ipotesi di reato a vario titolo di peculato, finanziamento illecito dei partiti e truffa. Tra le spese contestate dai pm agli indagati ci sono cene al ristorante, viaggi, pernottamenti in hotel, ma anche elettrodomestici e capi di abbigliamento. Oltre che per Cota, la procura di Torino dovrebbe chiedere il rinvio a giudizio anche per il presidente del consiglio regionale Valerio Cattaneo e per diversi esponenti della maggioranza Lega-Pdl. Intanto per Cota rimane ancora aperto il capitolo sulle firme false allegate alla presentazione di alcune liste a lui alleate alle ultime elezioni, che fra qualche mese potrebbe portare all’invalidazione delle consultazioni.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Santanchè, il pm chiede un mese di arresto per la protesta anti-burqa

next
Articolo Successivo

Omicidio Lino Romano, giustizia è fatta

next