“È un fatto – si legge sul sito di www.fiumeinpiena.it – che in Campania le aspettative di vita siano più basse che nel resto dell’Italia. È un fatto che i casi di tumore siano in costante aumento. Ed è un fatto che ogni notte, nella Terra dei Fuochi, vengano dati alle fiamme copertoni e residui industriali. È un fatto che a Caivano, dopo gli scavi della Guardia Forestale, siano stati ritrovati bidoni di materiale tossico, fusti di metalli e residui industriali. Non è populismo, non è vittimismo; non è nemmeno disfattismo. Sono, lo ripetiamo, fatti. Ed è in virtù di questi fatti – di questi ed altri cento, mille, diecimila fatti – che il 16 Novembre scenderemo in piazza”.

#fiumeinpiena
è un movimento pacifico ed apartitico, fondato e formato da giovani. È per questo che gli ‘A67 non possono non aderire a questa importantissima mobilitazione.
Noi sabato, 16 novembre, alle 14,30, saremo in, piazza Mancini (Na), con padri, madri e figli per dire: 
  • Stop ai roghi, agli sversamenti e ai traffici di rifiuti tossici!
  • Sì alle bonifiche solo dopo aver bloccato le attività illecite e solo sotto il controllo delle comunità!
  • No agli inceneritori e ad ogni forma di combustione dei rifiuti!
  • Sì all’individuazione dei suoli contaminati, alla tutela e alla promozione del settore agroalimentare campano sano!
  • No all’attuale piano di gestioni rifiuti della regione Campania! 

Per chi volesse aiutare il gruppo #Fiumeinpiena per sostenere le ingenti spese di organizzazione per la mobilitazione del 16 Novembre a Napoli, lo può fare effettuando una donazione qui. Aderiamo in massa e diffondiamo il più possibile. 

Video – Verso #16Novembre: l’appello degli attori di Un Posto al Sole

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fukushima, barre d’uranio del reattore danneggiato pronte allo smantellamento

prev
Articolo Successivo

Cambiamenti climatici, anche dopo il tifone europei in ordine sparso

next