Mentre al Senato si aspetta il voto in Aula sulla decadenza di Silvio Berlusconi, fuori dal Parlamento la legge Severino continua a mietere le sue vittime. Se per il Cavaliere ogni appiglio è buono per temporeggiare, in altre sale la norma dell’ex ministro della giustizia è già in applicazione. Dopo la condanna di primo grado perabuso d’ufficio il presidente della Provincia di Latina Armando Cusani è stato sospeso, in base alla legge Severino, con provvedimento del prefetto di Latina Antonio d’Acunto del 31 ottobre scorso. La sospensione avrà la durata massima di 18 mesi. La legge prevede un reintegro delle funzioni se in questo periodo di tempo dal tribunale di secondo grado arriverà una pronuncia che ribalterà la condanna. La sospensione, uno dei primi casi di applicazione della legge Severino, riguarda sia l’incarico di presidente della Provincia sia quello di consigliere comunale di Sperlonga.

In Provincia le funzioni saranno svolte dal vicepresidente, in consiglio comunale dal primo dei non eletti. Cusani è stato condannato nei giorni scorsi a un anno e 8 mesi con sospensione della pena per abuso d’ufficio. Il caso riguarda la rimozione del comandante dei vigili urbani di Sperlonga nel 2003, quando Cusani era sindaco del comune del sud pontino.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cucchi, l’avvocato: “Se passa l’indulto le pene saranno svuotate di sostanza”

prev
Articolo Successivo

Scandali e politica, il Codice in-Giustiniano

next