“E’ semplicemente assurdo ed offensivo solo pensare” che Napolitano “abbia potuto interferire in un giudizio in corso”. Non usa mezze misure il Comitato di presidenza del Csm per commentare la telefonata, trasmessa in esclusiva nella puntata di ieri di Piazza Pulita su La7, in cui Berlusconi lamenta ingerenze del Colle sui vertici della Cassazione per la sentenza sul Lodo Mondadori. Il messaggio è contenuto in una nota firmata da tutti i componenti dell’organismo in questione, ovvero il vice presidente Michele Vietti, Giorgio Santacroce Primo Presidente della Corte di Cassazione e Gianfranco Ciani Procuratore Generale della Corte di Cassazione.

“Il Presidente della Repubblica, Presidente del Csm – si legge nel comunicato -, è il primo custode della nostra Costituzione ed ha una così rigorosa concezione delle regole del nostro Stato di diritto ed in particolare dell’autonomia e dell’indipendenza della magistratura, che è semplicemente assurdo ed offensivo solo pensare che abbia potuto interferire in un giudizio in corso”. Non solo. Per il Csm, “la mera ipotesi che la Cassazione possa subire condizionamenti, da qualunque parte provengano, denota una visione distorta delle istituzioni, una scarsa conoscenza delle regole processuali e un inammissibile disconoscimento della correttezza e della terzietà dell’attività giudiziaria”. Parole durissime quelle del Csm, che seguono a quelle già espresse dal Colle.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fisco, procura generale di Milano avoca sette fascicoli alla procura

prev
Articolo Successivo

Telekom Serbia, confermata la condanna per Marini e ridotta la pena

next