Bankitalia avrebbe appoggiato l’acquisto di Antonveneta da parte di Monte dei Paschi di Siena. E’ quanto ha detto ai pm l’ex direttore generale della banca senese, Antonio Vigni, in uno degli interrogatori: “Ricordo che Mario Draghi (allora numero uno della Banca d’Italia, ndr) disse che sarebbero stati al nostro fianco”. Vigni parla poi di un incontro in via Nazionale a cui avrebbe partecipato anche l’allora governatore della Banca centrale.

L’inchiesta su Antonveneta si è già chiusa senza nessun addebito agli organi di vigilanza e a Bankitalia. Vigni è indagato insieme ad altre otto persone e a due banche, Mps e Jp Morgan, quest’ultime sulla base della legge 231 sulla responsabilità d’impresa. In uno dei lunghi interrogatori davanti ai magistrati (Antonino Nastasi, Aldo Natalini e Giuseppe Grosso) ai quali è stato sottoposto, Vigni ricorda la riunione tenutasi a Roma nella sede di Banca d’Italia. “A quella riunione partecipammo io e Giuseppe Mussari (ex presidente dell’istituto, ndr) per la banca, Draghi, la dottoressa Anna Maria Tarantola (ex vicedirettore generale di Bankitalia, ndr), i dottori Saccomanni e Clemente”.

Mussari, racconta Vigni, spiegò l’operazione nei dettagli, “anche sotto il profilo del finanziamento e dell’aderenza al piano industriale”. Sempre l’ex dg continua ricordando che “la dottoressa Tarantola poneva l’accento sui profili organizzativi. Ricordo, inoltre, che ci dissero di non mettere loro fretta nella valutazione dell’operazione e nella procedura di autorizzazione, che dovevano essere rispettati i ratios patrimoniali” e che “in mancanza di questo non ci avrebbero autorizzato”. Infine Vigni sostiene che fu Tarantola a riferire che Antonveneta “sul lato crediti, grazie all’opera di Montani, non aveva scheletri negli armadi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sentenza Berlusconi. Scusa Francesco, ma ho festeggiato

prev
Articolo Successivo

Signori dirigenti del Pd, dove arriva il vostro masochismo?

next