“Il gruppo parlamentare del M5s sta valutando di chiedere al ministro della Giustizia l’invio degli ispettori alla Procura di Torino”. Così il deputato M5s Ivan Della Valle apre la conferenza stampa del movimento NoTav. Questa mattina all’alba la polizia ha perquisito le abitazioni di 12 persone, indagate per attentato con finalità terroristiche o eversive. Alberto Perino, leader storico dei NoTav, denuncia un secondo nei sequestri effettuati: “Hanno portato via i computer e i telefoni di alcuni consulenti dei legali movimento, impegnati nel processo per i fatti dell’estate del 2011. In questo modo la Procura ha in mano le carte della difesa”. Presenti anche molti amministratori locali che per bocca di Sandro Plano, Presidente della Comunità Montana Valsusa e Val Sangone, fanno sapere: “Siamo contrari a ogni forma di violenza, ma bruciare un compressore non è un attentato omicida, ne tantomeno terroristico”  di Cosimo Caridi 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caso Ablyazov, la Procura di Roma indaga su omissioni nell’attività della polizia

prev
Articolo Successivo

Kyenge a Cantù, ancora insulti e razzismo. “Lancio banane? Meglio che noci cocco”

next