Ultimo scritto per i 500mila maturandi italiani che oggi affrontano la terza prova prima degli orali dell’esame di Stato, da concludersi entro il 18 luglio. Dopo il tema di italiano di mercoledì e la prova specifica per i diversi indirizzi di studio di giovedì scorso, questa mattina gli studenti dovranno cimentarsi con il cosiddetto ‘quizzone‘ multidisciplinare, preparato da ciascuna commissione.

Prova in corso anche nelle zone in Toscana colpite dal sisma di venerdì scorso, dove la terza prova è in corso da stamane in tutti gli istituti superiori di Fivizzano (Massa Carrara), il più grande tra i Comuni colpiti dal terremoto. La conferma viene direttamente dal sindaco Paolo Grassi. Ieri, il ministro dell’Istruzione, Maria Chiara Carrozza aveva annunciato di aver fatto un’ordinanza in cui disponeva, in via cautelativa, il possibile slittamento delle prossime prove della maturità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Edilizia scolastica, stanziati 300 milioni. E il ‘decreto del fare’ diventa ‘legge toppa’

prev
Articolo Successivo

Maturità 2013: oggi ‘quizzone’ in attesa del cambiamento

next