La pioggia battente accoglie i parlamentari in visita al cantiere dell’alta velocità di Chiomonte. Sono 61 tra senatori e deputati M5s, a cui si aggiungono 8 eletti di Sel e una quarantina di accompagnatori. Marco Scibona, senatore M5s di Bussoleno, annuncia non appena mette piede nlel cantiere: “Lunedì chiederemo una commissione d’inchiesta parlamentare sulla Torino-Lione”. Al cantiere in visita anche Stefano Esposito, senatore Pd estremo difensore dell’opera, rilancia: “Faremo una mozione in Parlamento la settimana prossima sul blocco dell’opera, vedremo se hanno i numeri per fermare i lavori”. Al cantiere c’è anche Mario Virano, presidente dell’Osservatorio sulla Torino-Lione: “Il Parlamento non prenderà posizione contro il Tav”. Il controcanto è affidato a Vito Crimi, portavoce M5s in Senato: “Il no alla Torino-Lione non è negoziabile, non è una merce di scambio per la creazione di un governo con il Pd”  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tav e grandi opere, non contano solo le proteste

prev
Articolo Successivo

Uk, aiuti alle ‘vittime’ del fracking. Ma il governo incentiva le aziende

next