E’ morta mentre stava tornando a casa dopo una serata con il fidanzato, Maria Elena Petruccioli, la 25enne di Montefranco travolta sulla Flaminia tra Terni e Spoleto dall’auto di due rapinatori in fuga nella notte tra mercoledì e giovedì. La ragazza era alla guida della sua Panda quando improvvisamente si è scontrata contro la Ford Fiesta dei banditi che, a causa della gran velocità, ha invaso la corsia opposta. Oltre alla giovane sudentessa l’incidente ha provocato la morte di uno dei due rapinatori, un albanese di 28 anni. L’altro ragazzo, un 21enne anch’egli di origine albanese, è rimasto gravemente ferito ed è attualmente ricoverato all’ospedale di Spoleto.

I ladri erano reduci da una rapina che aveva fruttato loro un misero bottino, secondo le indagini dei carabinieri di soli 50 euro. La rapina è stata compiuta poco prima di mezzanotte nella frazione Alba Fucens del comune di Massa d’Albe, in provincia dell’Aquila. Quattro individui con il volto coperto dal passamontagna, di cui uno armato di taglierino, si sono introdotti all’interno di una casa isolata e dopo avere minacciato il proprietario 64enne, si sono fatti consegnare 50 euro che l’uomo aveva nel portafogli. Il gruppo si è poi diviso in due parti: due hanno fatto perdere le prorie tracce, gli altri due hanno rubato la Ford Fiesta del proprietario di casa e sono fuggiti, in direzione dell’Umbria. Grazie ai rilevamenti con il Gps i carabinieri hanno individuato l’auto a Terni e da lì è partito l’inseguimento finito tragicamente.

Alle 5, nei pressi del comune di Arrone, la Fiesta è stata intercettata da una pattuglia dei carabinieri della compagnia di Terni. La fuga è proseguita lungo la Flaminia in direzione Terni-Spoleto e poco dopo, all’altezza del chilometro 12, è avvenuto lo scontro con la Panda di Maria Elena. La morte della giovane studentessa ha provocato grande sconforto a Montefranco, piccolo centro della Valnerina ternana. A casa dei suoi familiari si è recato il sindaco del paese e l’intera comunità si è stretta intorno alla famiglia della ragazza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ingroia replica a Boccassini: “Mi basta sapere cosa pensava di lei Borsellino”

next
Articolo Successivo

Guardia di Finanza: nel 2012 casi di riciclaggio quasi raddoppiati

next