L’Ilva ha presentato al tribunale di Taranto appello contro l’ordinanza del gip Patrizia Todisco dell’11 dicembre scorso che respingeva l’istanza di revoca del sequestro dei prodotti finiti e semilavorati che si trovano nelle aree di stoccaggio e destinati alla vendita o al trasferimento in altri stabilimenti del gruppo. Il ricorso è stato depositato dagli avvocati Marco De Luca ed Egidio Albanese per conto del presidente Bruno Ferrante

Nel ricorso, soffermandosi sul sequestro dei prodotti finiti e al rigetto da parte dei magistrati dell’istanza di immediata esecuzione del decreto legge, l’Ilva parla di “una volontà granitica, insensibile alle più meditate considerazioni storico-fattuali, scientifiche e giuridiche”. “Una volontà precostituita – aggiungono i legali – fondata su una verità altrettanto precostituita, sta progressivamente imponendo il fatto antigiuridico della chiusura dello stabilimento Ilva di Taranto per sempre e, a quanto pare, ciò deve accadere prima che la fisiologica scansione della dialettica processuale, ovvero l’applicazione della legge sostanziale e dei legittimi provvedimenti amministrativi che ne dipendono, conducano ad esiti opposti”.

 

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ilva, approvata la legge. Clini: “Provvedimento chiave per il Paese”

next
Articolo Successivo

Meno soldi alla Sanità? Perché no?

next