Era il capo della Mobile di La Spezia nei giorni del G8 a Genova del 2001 e anche per lui ieri è arrivata la motivazione della sentenza definitiva emessa dalla Cassazione per le violenze nella scuola DiazFilippo Ferri, figlio dell’ex ministro Enrico, secondo il quotidiano La Stampa, è consulente per la sicurezza del Milan di Silvio Berlusconi. Interpellato dal quotidiano di Torino risponde secco: “Non ho niente da dichiarare, abbiamo già avuto troppa pubblicità… Quello che faccio riguarda solo me…”.

Per i supremi giudici le violenze di quella notte del 21 luglio sono state un “massacro ingiustificabile che ha screditato l’Italia” e Ferri per quei fatti è stato condannato a 3 anni e 8 mesi di carcere, più 5 anni di interdizione dai pubblici uffici come a tutti gli altri funzionari. Ormai quindi un pregiudicato, anche se in primo grado come gli altri imputati era stato assolto. L’interdizione inflitta il 5 luglio scorso, come avvenuto per tutti gli alti funzionari, lo ha di fatto estromesso dalla Polizia nel momento in cui rivestiva il ruolo di capo Squadra Mobile di Firenze.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Milano, “delibera ad hoc per assumere il figlio di un dirigente del S.Paolo”

next
Articolo Successivo

Il pentito Grado: Dell’Utri “cucchiaio” di tutte le famiglie di Cosa nostra

next