A Monterosso è dalla tarda primavera che si è tornato a camminare per le sue strade. Con il pretesto di una amica monterossina che vive nel cuore del paese, dove l’acqua fece i peggiori danni e dove lei stessa impugnò guantoni e badile per liberare le strade, ho voluto riportare i racconti degli ultimi mesi post alluvione nelle Cinque Terre e l’appello dei giornalisti ambientali.

Mi sono dedicata alla vicenda di Monterosso come spunto di partenza (profondamente sentito, ci tengo a precisare) per riflettere su quanto poco si racconti delle vite e dei luoghi di coloro che vivono una calamità sulla propria pelle dopo i giorni del grande impatto mediatico. Ciò che si voleva esprimere è la vicinanza a coloro che, nello Spezzino, tutti i giorni ricostruiscono la realtà dei lori paesi, riaprono le attività commerciali, danno nuova linfa al turismo con l’impegno e la dedizione coriacea tipica dei liguri. Tutto questo nel silenzio mediatico. Con il pretesto del racconto di Monterosso mi sarebbe piaciuto ricordare tutti quei luoghi italiani dimenticati dai giornali e dai tg nazionali dove dopo la sciagura la vita è stoicamente proseguita.

L’imprecisione, della quale mi scuso, è stata quella di narrare al presente le vicende che il paese ha dovuto affrontare dopo l’alluvione negli ultimi mesi: se fino a ieri Monterosso ha dovuto indossare gli stivali per muoversi fra le sue strade oggi è un paese orgogliosamente ripulito dal fango, e che, non stento a credere, terminerà con la stessa determinazione la bonifica delle aree a monte, dei suoi sentieri d’accesso e del territorio che la incornicia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ciampino, i comitati: “Troppi aerei, danni alla salute e moria di alberi”

next
Articolo Successivo

Uranio impoverito, marcia indietro del governo: “I fondi restano intatti”

next