E’ il giorno del ballottaggio in Francia tra il Presidente dell’Eliseo e il leader socialista Francois Hollande. L’affluenza alle 17 è arrivata al 71,96%, quasi un punto e mezzo percentuale in più rispetto al primo turno alla stessa ora. Dato inferiore a quello del secondo turno delle elezioni del 2007, che era intorno al 75%. Complessivamente è prevista un’affluenza molto alta, attorno all’80%. In Francia si vota fino alle 18 ma a Parigi e nelle grandi città il termine è prorogato fino alle 20. Intanto Parigi è divisa sul voto: tra le fabbriche in crisi si spera nello sfidante socialista, mentre i benestanti del centro puntano alla riconferma nel timore di nuove tasse.

Entrambi i candidati si sono recati ai seggi in mattinata. Hollande ha votato alle 10,30 a Tulle, insieme alla compagna Valerie Trierweiler, che, iscritta nelle liste parigine, ha dovuto votare per procura. Ai giornalisti Hollande ha dichiarato di aver dormito “poco”: “Sarà una giornata lunga”, ha affermato, “se sarà bella lo decideranno i francesi. Per una parte di loro sarà per forza una bella giornata, per altri no”. In precedenza avevano votato, a Pau, il candidato centrista Francois Bayrou, che ha annunciato la preferenza per il candidato socialista lasciando però liberi i propri elettori e, nel X arrondissement parigino, Jean-Luc Melenchon, esponente della sinistra radicale.

Sarkozy ha votato a mezzogiorno nel seggio allestito al liceo Jean de la Fontaine, nel XVI arrondissement della capitale. Al suo fianco c’era Carla Bruni. Il presidente uscente e la première dame sono stati accolti da una grande folla che li ha applauditi al grido di “vinceremo!” e “Nicolas, president!”. Sarkozy ha stretto la mano di molti sostenitori ma è apparso un pò teso. Carla, coi capelli sciolti, i pantaloni a sigaretta beige, maglione e ballerine ai piedi, era invece sorridente e rilassata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A Londra stanchi della politica

next
Articolo Successivo

Francia al voto – La diretta della giornata elettorale. Speciale Presidenziali

next