Un festival di due giorni per discutere e confrontarsi su un modo di fare politica pulito e trasparente, dove la tutela dell’ambiente e la lotta gli sprechi sono le priorità. In netta controtendenza rispetto alle consolidate abitudini della politica che usa per sé il denaro pubblico, senza prospettive per il bene comune e la collettività.

A Taneto di Gattatico, presso il Circolo Fuori Orario in provincia di Reggio Emilia, si terrà il 4 e 5 maggio la Festa dei Comuni virtuosi insieme ai comuni dell’omonima associazione “per prendere una boccata di aria pulita”: una due giorni di buon senso e concretezza, in cui sindaci e amministratori locali provenienti da tutta Italia racconteranno ciò che quotidianamente, nel silenzio dei media nazionali e nell’indifferenza della politica nazionale, sperimentano con successo: buone prassi ambientali a favore delle comunità locali.

Vedi programma nel dettaglio su http://www.arcifuori.it

Stop al cemento, rifiuti zero, indipendenza energetica, mobilità sostenibile, nuovi stili di vita, partecipazione. Idee e progetti che mettono insieme sobrietà, integrazione e risparmio, dimostrando che intervenire a favore dell’ambiente non solo è possibile e necessario, ma anche conveniente.  Concerti, bancarelle con le tipicità dei territori(cucina, artigianato), spettacoli teatrali e presentazioni di libri. E poi ancora mostre e incontri, convivialità e contaminazione. Tra gli ospiti anche il consigliere pd Pippo Civati, l’europarlamentare Debora Serracchiani e il consigliere del Movimento 5 Stelle Giovanni Favia che prenderanno parte al dibattito sul “Viaggio nell’Italia della buona politica” moderato dal giornalista del Fatto quotidiano Ferruccio Sansa.

“Si tratta la prima edizione del festival – spiega Marco Boschini, coordinatore dell’Associazione Comuni virtuosi – l’idea era nata qualche anno fa e nasce dalla volontà di mettere in contatto tutte le amministrazioni che operano sul territorio nazionale  e che aspirano a una buona gestione del territorio, a ridurre l’inquinamento atmosferico e a promuovere una corretta gestione dei rifiuti”. Un’iniziativa che ambisce a trasformarsi in un appuntamento itinerante dopo maggio. “Partecipano oltre sessanta comuni diversi tra di loro, anche per collocazione geografica e per colore politico. Ci sono liste civiche e comuni di destra e sinistra, ma sono accomunati dallo spirito di servizio per la comunità che governano, vissuto con trasparenza e onestà”. Una prassi che, per la politica di oggi, risulta straordinaria e rivoluzionaria.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salvare la Terra con milioni di azioni green Torna la giornata per “mobilitare” il pianeta

next
Articolo Successivo

Dioxin Free: la legge dei ragazzi al Senato

next