Il segretario di Magistratura indipendente Cosimo Ferri

La norma sulla responsabilità civile dei magistrati, così come è formulata nell’emendamento Pini, va stralciata dalla legge Comunitaria. L’Associazione nazionale magistrati si è espressa in modo perentorio nel corso dell’audizione davanti alla Commissione giustizia del Senato. Interventi correttivi, ha sottolineato l’Anm, non sono sufficienti a garantire autonomia e indipendenza dei magistrati, che la responsabilità diretta minaccerebbe.

A pochi giorni dalla riunione in cui si dovrebbero decidere le nuove cariche del Comitato direttivo centrale (Cdc), il parlamentino delle toghe è arrivato in Senato con una rappresentanza delle varie anime della magistratura associata. Per tutti hanno preso la parola Anna Canepa (Area), il procuratore di Palmi Giuseppe Creazzo e Cosimo Ferri di Magistratura indipendente.

Se si legge la giurisprudenza comunitaria, ha sottolineato Canepa, si vede “che non c’è nessun obbligo a modificare la disciplina interna sulla responsabilità dei giudici e la responsabilità diretta non sarebbe comunque sufficiente di fronte a cause onerosissime”. Inoltre, ha detto da parte sua il procuratore di Palmi, “lo Stato non può arretrare di fronte ai principi costituzionali che garantiscono l’autonomia e l’indipendenza dei magistrati” che non devono “essere condizionati da timori o da pressioni”. Il magistrato, ha detto ancora, “potrebbe essere citato anche anticipatamente dalle parti e se ciò avvenisse durante una causa in corso” potrebbe essere un modo “per eliminare un giudice sgradito”. La norma in questione, dunque, “è altro rispetto al principio della rivalsa”, ha proseguito, e ha ribadito la necessità che si torni ai ‘paletti’ vigenti.

Per Cosimo Ferri “che i magistrati non paghino è uno slogan e non è vero”. E ha aggiunto che “l’Europa non chiede la modifica della legge Vassalli. Ci sono in gioco l’autonomia e la indipendenza dei magistrati moti di voi credono in questi principi costituzionali, non per difendere un privilegio”, ma l’interesse del cittadino ad un giudice terzo. Il segretario di Magistratura indipendente si è spinto fino a dire che l’emendamento “deve essere eliminato. Piccoli passi indietro non risolveranno il problema. Non è sufficiente – ha puntualizzato – eliminare solo l’azione diretta”, come discusso nell’ultimo vertice tra il presidente del Consiglio e i partiti, perché “va eliminata anche l’azione di rivalsa”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

GIUSTIZIALISTI

di Piercamillo Davigo e Sebastiano Ardita 12€ Acquista
Articolo Precedente

Noi giuristi…alla Corte di Cedex!

next
Articolo Successivo

“Sim card false utilizzate per commettere reati”. Indagata Telecom con 99 persone

next