Preso a pugni e calci da due uomini mentre camminava per il quartiere Parioli di Roma. E’ successo all’imprenditore Francesco Piscicelli: mentre camminava parlando al telefono, è stato aggredito da due persone arrivate in motorino che lo hanno anche minacciato verbalmente, con frasi tipo “così impari uomo di m…”. Quello di Francesco Maria De Vito Piscicelli è diventato un nome noto a causa l’intercettazione in cui rideva alla notizia del terremoto che aveva appena devastato l’Aquila, parlando degli “affari” che si sarebbero potuti fare in Abruzzo con la ricostruzione. Ed è anche uno dei protagonisti dell’inchiesta sulle Grandi Opere. Suo era, infatti, l’appalto per la costruzione delle piscine di San Paolo, a Roma.

Gli impianti, che avrebbero dovuto essere utilizzati per i mondiali di nuoto della Capitale, nel 2009, non sono mai stati aperti al pubblico, nonostante il loro costo di costruzione si sia col tempo quadruplicato. La struttura infatti, è tuttora inagibile per il cedimento di un pilastro che ha reso instabile il soffitto. Anche in quel caso le intercettazioni delle sue telefonate raccontavano molto: “Non riesco a sfilare i puntelli – gli spiegava l’allora capocantiere – se li vedi sono tutti storti. È impressionante, ma storti di tanto”. E Piscicelli replicava: “Il professor Frasca ha fatto i calcoli del c… E’ meglio che si fanno i Mondiali solo all’esterno e all’interno si fottono”. Ma anche fuori la struttura non sarà mai utilizzata. La piscina, infatti, era stata costruita più lunga di otto centimetri e quindi risultò inutilizzabile.

Il 26 dicembre, il giorno di Santo Stefano, l’imprenditore si è reso poi protagonista di un altro gesto: aveva portato la mamma al ristorante “parcheggiando” il suo elicottero sulla spiaggia di Ansedonia. Da qualche mese Piscicelli ha cominciato a collaborare con gli inquirenti della Procura di Roma raccontando di tangenti date a funzionari pubblici per “oliare” le gare di appalto per lavori che riguardavano tra gli altri “la costruzione di caserme della Guardia di Finanza e per i lavori gestiti dal provveditorato della Regione Lazio”. In gennaio sono state le sue rivelazioni ai magistrati sul pagamento della permanenza in un resort a cinque stelle al sottosegretario del governo Monti Carlo Malinconico a causarne le dimissioni.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lettera al lupacchiotto
No Tav

next
Articolo Successivo

No Tav, solidarietà in Rete ai giornalisti aggrediti. “Che fate, copiate Assad?”

next