Proprio così.

Il Comune di Milano regala ad ogni consigliere comunale due biglietti per i concerti di Vasco Rossi il 16 e il 17 giugno a San Siro. Pochi giorni fa è accaduto lo stesso con la prima dell’Aida alla Scala e chissà quante altre volte negli anni passati. I biglietti non sono nominativi, non si sa quanto costino al contribuente, né chi poi li usi, né chi controlli.

Oggi è possibile saperlo perche ce lo ha detto Marco Cappato, radicale neo eletto della Lista Bonino- Pannella.

Perché un consigliere comunale dovrebbe avere dei biglietti gratis???

Che farne allora? Restituendoli finirebbero solo per passare di mano ad altri privilegiati.

Ecco l’offerta di Marco Cappato: “Restituisco ai milanesi i due biglietti”. Basta andare sul suo profilo facebook e rispondere al post per partecipare al sorteggio che si terrà alle ore 16.00 di oggi.

PS: per chi volesse rivedere un’altra restituzione radicale, quella dei soldi del finanziamento pubblico dei partiti che facemmo nel 1997, la trova qui.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Petizione online per chiedere
le dimissioni di Brunetta

prev
Articolo Successivo

Ammazziamo il porcellum, l’idea
di un referendum per abolire le liste bloccate

next