Nello scontro tra la giunta di Virginia Raggi e l’Ama, l’azienda di igiene pubblica di Roma capitale, si inserisce il lavoro di indagine della procura di Roma. Come rivelato dal Fattoquotidiano.it qualche giorno fa, il tritovagliatore di Rocca Cencia è sotto inchiesta dopo la presentazione di un esposto da parte dello stesso Fortini nel giugno del 2015. Daniele Fortini, presidente di Ama ora dimissionario, è stato ascoltato nuovamente in procura dal pubblico ministero Alberto Galanti per chiarire ulteriormente il quadro di interessi che si muove attorno alla partita rifiuti. La Procura, intanto, ha inviato i carabinieri del Noe per acquisire atti e documenti presso i Tmb, impianti di trattamento meccanico biologico, di proprietà dell’Ama. I magistrati procedono per truffa. Insomma due grane giudiziarie mentre la città è ancora, in alcune aree, coperta da rifiuti.

Il tritovagliatore sotto inchiesta
Il tritovagliatore al centro della contesa è di proprietà di Manlio Cerroni, ribattezzato l’ottavo re di Roma, signore dei rifiuti nel Lazio, sotto processo per truffa, associazione a delinquere e disastro ambientale in due diversi processi. L’assessore del comune di Roma Paola Muraro, vista la situazione di crisi rifiuti, ha chiesto all’Ama di usare il tritovagliatore raccogliendo il no dei vertici aziendali. Un no che in maniera chiara viene spiegato nel piano operativo presentato, in questi giorni, da Ama al comune. Proprio l’indagine in corso, si procede per truffa e frode, è il motivo ostativo all’uso dell’impianto.

Nei giorni scorsi i carabinieri del Noe hanno acquisito documenti presso l’Ama in merito al contestato tritovagliatore. Fortini aveva spiegato proprio al Fattoquotidiano.it che quell’impianto si poteva usare solo con un’ordinanza oppure con una gara pubblica visto che è fuori dal piano regionale dei rifiuti, ma soprattutto è sotto inchiesta. L’assessore Paola Muraro in merito all’indagine ha spiegato: “L’inchiesta sul tritovagliatore di Rocca Cencia? Chiedetelo alla Procura, non ne ho idea. L’ho letto sui giornali, altro non sappiamo. Se avrà conseguenze sulla situazione della città? Questo bisogna chiederlo alla Regione, se ha degli input da parte della Procura”. Fortini, dopo cinque ore in procura ascoltato come persona informata sui fatti, ha chiarito: “Ho rappresentato una situazione anomala e per certi versi stravagante. Mai un contratto tra Ama e Colari (il consorzio riferibibile a Manlio Cerroni) per l’uso del tritovagliatore di Rocca Cencia, mai una gara d’appalto”.

I Tmb sotto indagine e le polemiche sull’assessore
C’è un altro filone di indagine, per il quale non sono noti i nomi degli indagati, aperto in procura relativo agli impianti di trattamento meccanico biologico dell’Ama, i Tmb di Rocca Cencia e Salario. La Procura capitolina ha inviato i carabinieri del Noe ad acquisire la documentazione relativa alle due strutture. L’assessore all’Ambiente Paola Muraro per 12 anni dal 2004 al 2016 è stata consulente di Ama e ha ricoperto, negli ultimi anni, il ruolo di referente Ipcc per gli impianti in questione, si occupava dellle procedure realative all’autorizzazione integrata ambientale. “Ero una consulente, non ho responsabilità” ha spiegato all’edizione locale di Repubblica.

C’è da capire come e perché i tmb, negli anni, hanno lavorato poco e male, se e come è stato arrecato danno alle casse pubbliche favorendo così interessi privati nel trattamento della spazzatura capitolina. Anni, in particolare dal 2010 al 2013, nei quali gli impianti funzionavano a singhiozzo. Periodo di reggenza di manager poi finiti coinvolti in inchieste giudiziarie. Non è da trascurare che nella stessa inchiesta Mafia Capitale uno dei filoni di indagine era relativo al ruolo svolto da Ama e dal rapporto con le cooperative legate a Salvatore Buzzi. Inchiesta che vede imputati due ex manager dell’azienda Franco Panzironi e Giovanni Fiscon. Dagli atti emergevano contatti e rapporti anche con altri soggetti della galassia rifiuti, una rete di interessi che si muoveva all’ombra dell’azienda pubblica ingrassando i privati e trasformando l’Ama in una grande vacca da mungere.

twitter: @nellotro