Denis Verdini e i suoi dentro Scelta civica, cioè ufficialmente nella maggioranza di governo. Era questo il piano di Enrico Zanetti, segretario del partito fondato da Mario Monti e viceministro dell’Economia. Una linea che è stata sconfessata dai deputati, che hanno messo Zanetti in minoranza. E ora è allarme rosso alla Camera, per i destini di Scelta civica ma, soprattutto, per quello che potrebbe accadere nel governo Renzi, già alle prese con le fibrillazioni interne al Pd in vista del referendum costituzionale. Dopo la proposta di far entrare Ala dentro il partito, Zanetti è stato costretto, lui capo del partito, a dare le dimissioni dalla componente parlamentare di Scelta civica alla Camera e a riparare nel gruppo misto. Insieme a lui appena 3 deputati (Mariano Rabino, Giulio Cesare Sottanelli e Angelo Antonio D’Agostino) rispetto ai 19 che compongono il gruppo di Montecitorio. Questa è la ricostruzione raccolta da ilfattoquotidiano.it attraverso il racconto di vari parlamentari.

La direzione del partito, ieri pomeriggio, è durata oltre 5 ore. Zanetti propone di far confluire Ala in Scelta Civica, che peraltro da tempo non ha senatori. Ma soprattutto la mossa avrebbe consentito da una parte a dare più peso in maggioranza agli ex montiani e dall’altra a permettere a Ala di accreditarsi con Matteo Renzi e al presidente del Consiglio di affidare incarichi di governo e sottogoverno ai verdiniani. Ma la risposta è un no grosso come una casa. In particolare la contrarietà arrivano da Giovanni Monchiero, Gianfranco Librandi, Giovanni Palladino, Antimo Cesaro (sottosegretario alla Cultura) e Andrea Mazziotti Di Celso, presidente della commissione Affari costituzionali della Camera.

Poi lo strappo. Che si è consumato durante la successiva assemblea dei deputati, a Montecitorio, per il rinnovo del direttivo. Nella riunione, che non riguardava la linea politica, Zanetti si ritrova in minoranza sulla scelta dei nomi da eleggere, molti dei quali contrari all’operazione Verdini, propone il rinvio della seduta. Anzi, cerca di far mancare il numero legale (11 su 20 componenti). Così si assenta insieme a Rabino, D’Agostino, Valentina Vezzali e Sottanelli. Secondo fonti del fatto.it chiede anche a Roberta Oliaro – un’imprenditrice di Genova – di andarsene per far sospendere l’assemblea, ma la Oliaro resta. Così l’assemblea rielegge il direttivo del gruppo di Montecitorio, con gli zanettiani in minoranza: il capogruppo resta Monchiero, sono confermati Bruno Molea e Valentina Vezzali e entrano 4 componenti nuovi, Alberto Bombassei, Roberta Oliaro, Gianfranco Librandi e Giovanni Palladino. Il risultato è che stamani Zanetti e gli altri 3 deputati hanno chiesto l’iscrizione al gruppo misto. Secondo indiscrezioni, la nuova componente parlamentare nata dalla scissione prenderà il nome di “Scelta civica-Cittadini per l’Italia”. E già ieri il viceministro aveva aveva espresso l’intenzione di ritirare il simbolo del partito al gruppo nel caso questo non si fosse adeguato alla linea per dare vita – con Ala – a un polo italiano dell’Alde, il gruppo che all’Europarlamento riunisce le forze politiche liberali.

“Non so se esista un precedente di un segretario di partito che lascia il gruppo parlamentare della sua forza politica per traslocare nel Misto – commenta a ilfatto.it uno dei deputati che ha messo in minoranza Zanetti – Quel che è certo è che, ancora più incredibile, è la motivazione: fare l’alleanza con Verdini”. Con un punto interrogativo, sottolineano dal gruppo di Scelta Civica, anche sulla rappresentatività di Zanetti nel governo. La cui poltrona da viceministro viene già reclamata dai suoi avversari.